<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=2252503878360774&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Cromoterapia in camera: come scegliere i colori più adatti

Idee di arredamento, Colori

È oramai noto a tutti che la luce e i colori possono condizionare il nostro umore e influenzare le nostre azioni, poiché sono legati alle nostre emozioni. Una scelta basata sulla cromoterapia in camera da letto può quindi condizionare positivamente la qualità del nostro riposo. Perciò è fondamentale capire i significati delle diverse tonalità e sfumature, così da compiere la giusta scelta di colore per vivere in sintonia con gli spazi e migliorare la propria vita

La cromoterapia ci aiuta esattamente in questo: associa i colori all'equilibrio del corpo e della psiche studiandone i loro effetti. Tale medicina alternativa può essere applicata all’arredamento e alle pareti di casa, così da ottenere scelte cromatiche adatte alle esigenze individuali.

La scelta dei colori per la propria abitazione, infatti, è utile per creare armonia tra i diversi ambienti: ogni stanza richiede un’attenzione specifica, perciò il colore deve essere studiato in base alla funzione destinata, alla pavimentazione e agli elementi d’arredo.

Cromoterapia in camera da letto il bluIn particolare ecco alcuni consigli utili su come la cromoterapia in camera da letto possa condizionare l’umore e migliorare il sonno.   

Quali colori consiglia la cromoterapia in camera da letto

La scelta dei colori più adatti per la camera da letto non è sempre immediata: alcune fantasie e tonalità sono rilassanti, altre riescono a dare l’illusione che la stanza sia più ampia o più luminosa, senza contare poi l’influenza del gusto personale.

Il punto di partenza dovrebbe essere, come già accennato, la funzione della stanza. La camera da letto è il luogo più personale della casa, è la stanza del relax, del silenzio e dell’intimità. I colori che si sceglieranno per questo ambiente saranno quelli che accoglieranno i risvegli ed augureranno la buonanotte.  

La cromoterapia consiglia perciò, in camera da letto, di scartare i colori più accessi e aggressivi, a favore di tonalità fredde e rilassanti, le più indicate per il relax e la meditazione. In questo modo gli occhi e la nostra mente entreranno subito in una modalità di riposo e calma.

Le tonalità fredde perfette per il relax

I colori freddi su cui la cromoterapia consiglia di puntare per la camera da letto sono il blu, l’azzurro e il viola, che facilitano il riposo e sono gradevoli alla vista. Anche le cromie neutre come il beige, il panna, il grigio chiaro e il tortora sono molto efficaci e si abbinano con facilità ad ogni stile di arredo.

Vediamoli nel dettaglio. Vorresti osare di più con i colori in casa? Scoprilo con il nostro test!

Il blu

Tra i colori più indicati dalla cromoterapia in camera da letto sicuramente il blu è al primo posto, perché in grado di infondere tranquillità e calma, oltre a stimolare il pensiero e rilassare. Non a caso questo colore è particolarmente indicato per chi soffre d’insonnia. Il colore del cielo e dell’acqua ispira tranquillità e saggezza ed è simbolo di armonia ed equilibrio.

Il blu può essere declinato in ogni sua sfumatura, in particolare i suoi toni chiari come l’azzurro e il celeste sono spesso utilizzati per la zona notte, in quanto trasmettono un senso di quiete e fiducia.

Le sfumature infatti conciliano il sonno, rilassano lo spirito e distendono i nervi, come i toni dell’acquamarina e del blu cobalto.

È consigliabile scegliere la gradazione del colore che più soddisfa le proprie preferenze tenendo conto anche delle dimensioni della stanza: in una camera dalle dimensioni ridotte è preferibile scegliere una tonalità di blu chiaro, in modo da far apparire lo spazio molto più ampio; viceversa, negli ambienti più spaziosi è possibile osare con un blu scuro. Non necessariamente vanno tinte tutte le pareti: una sola è sufficiente, magari proprio quella della testata del letto, per trasformare l’ambiente con un’atmosfera pacata e rilassante.

Infine, va ricordato che il blu è un colore molto versatile e si abbina perfettamente con arredi classici e moderni, sposandosi perfettamente con il bianco, sia per le decorazioni sia a parete.

Anche l’abbinamento con il giallo è un classico, mentre l’accostamento con il marsala è una nuova tendenza, elegante e glamour.

Il viola

Un altro colore molto usato per la camera da letto, consigliato dalla cromoterapia e dal Feng Shui, è il viola, soprattutto nei toni più chiari, dall’indaco al lilla, dal malva al lavanda, poiché rilassano e stimolano la meditazione.

Tra i colori freddi il viola è quello più caldo, in quanto è composto dalla profondità del blu con l’energia del rosso. Misterioso ed eclettico, il viola è ideale per chi ama cercare l’equilibrio e far pace con se stesso. Questa tonalità inoltre aiuta la concentrazione, favorisce l’ispirazione artistica e stimola la creatività.

La duttilità del viola lo rende adatto all’accostamento con tutti i colori neutri, ma è con il grigio che raggiunge il suo apice.

Il grigio

La terza tonalità fredda più diffusa e consigliata dalla cromoterapia per il colore delle pareti della camera da letto è senza dubbio il grigio, nelle sue varie sfumature.

Neutro e delicato, calmante e rilassante, è la sua solidità a infondere sicurezza. In camera da letto questo colore, associato al viola o al rosso, è in grado di vivacizzare l’ambiente; mentre, accostato al nero e al bianco conferisce stabilità e pulizia alla stanza.

Per un’atmosfera rilassante ma anche intima e accogliente è consigliato abbinare il grigio e le sue sfumature ad un giallo senape, per uno stile contemporaneo e originale.

Probabilmente, però, la tonalità più adatta per una sensazione di quiete a letto è il cosiddetto “denim drift”. Si tratta di una cromia azzurro/grigio polverosa e piena che abbassa la pressione arteriosa, regola i flussi respiratori e regala sogni sereni.

Il rosa

Anche il rosa chiaro ha una particolare influenza sulla nostra mente: è ideale per combattere l’insonnia. È un colore calmo, dolce, spesso associato al romanticismo e al lato femminile dell'animo, ed è per questo che in camera da letto è un ottimo colore per allontanare i pensieri negativi e rasserenare la mente.

Una camera da letto di questa tinta trasmette un senso di protezione, un rifugio sicuro, il luogo ideale per rilassarsi e dormire in serenità. Le tonalità tra cui scegliere sono moltissime, dal rosa pallido o antico al pesca o corallo.

Sconsigliato da usare singolarmente, il rosa è un colore versatile e facile da accostare: con il grigio, per esempio, per un mix di passione ed energia; ma anche con il nero, il verde pastello ed il marrone. Gli abbinamenti possono avvenire semplicemente attraverso dettagli a righe, pois e decori floreali per un tocco particolare e originale.

Gli stili di arredo che meglio si abbinano con mobili rosa sono lo shabby chic e il provenzale.

Il beige

In genere per la camera da letto vengono scelti colori neutri come il beige che, sempre secondo la cromoterapia, contribuiscono al relax e facilitano il riposo. Utilizzato nelle sue molteplici sfumature, regala calore ed eleganza alla stanza.

Il beige si abbina con qualsiasi tipo di arredamento, perciò, onde evitare di ottenere un effetto un po’ spento, è bene abbinarlo ad altri colori per un creativo contrasto cromatico.

E i colori caldi?

I colori caldi sono più spesso utilizzati per la zona giorno in quanto molto più accesi ed energici.

Il verde

Da sempre percepito come simbolo di allegria, speranza e fortuna il verde è il colore della natura e dell’equilibrio e comunica calma e tranquillità, è un forte antidoto contro lo stress e l’insonnia. È consigliato, in camera da letto, giocare con le cromie del verde più rilassanti come il verde lucite, il verde salvia o oliva.

Le tonalità che si sposano perfettamente con il verde sono il bianco, il perla e colori intensi come il marrone e il giallo.

Il colore verde in camera da letto

Il rosso

Il rosso è il colore più energico, forte e vivo di tutti. La sua potenza è ideale per un soggiorno o una cucina, ma viene sconsigliato dalla cromoterapia in camera da letto, proprio per la sua energia e intensità che cozza con l’ambiente notturno, dedito al riposo.

Tuttavia, utilizzando le punte di sfumature più tenui e vicine al rosa, come il porpora, il marsala o il terracotta, è possibile inserire questo colore nella camera da letto senza esagerare, in un ambiente caldo e calmo allo stesso tempo.

Insomma, per chi proprio non vuole rinunciare al rosso la cautela è d’obbligo: magari dipingendo soltanto una parete o una colonna e puntando su dettagli e accessori colorati abbinati a pareti neutre.

L'arancione

Secondo la cromoterapia, l’arancione è un ottimo antidoto contro l’ansia e la paura, è una tonalità rassicurante e ricaricatrice, dall’effetto benefico sia sullo spirito che sul corpo.

Si tratta di una cromia energica e brillante, perciò sconsigliata per la zona notte a favore della zona giorno. Tuttavia, per gli amanti dell’arancione, che proprio non riescono a fare a meno di questa cromia nella camera da letto, è consigliato utilizzare il colore con parsimonia e per qualche arredo o dettaglio, proprio come per il rosso.

Quali colori scegliere per le camere da letto dei bambini e ragazzi?

In questo caso servono colori sia d’aiuto per il sonno ed il riposo, sia in grado di donare all’ambiente gioia, vivacità, allegria.

Ovviamente rimangono una scelta azzeccata il blu, l’azzurro, il rosa (pastello ancora meglio). Ma sono una buona idea anche il verde acqua, l’arancio e il giallo chiaro, così come il grigio e il tortora con i giusti abbinamenti relativi a mobili e complementi.

Le camerette non dovrebbero avere pareti di colori molto scuri, ma nemmeno troppo accesi e vivaci. È vero, con il bianco non si sbaglia mai, ma diciamo la verità: un po’ di fantasia in più non guasta.

Abbinare i colori in camera da letto

I più tradizionalisti preferiranno le pareti di un solo colore, da abbinare a tutti i complementi e agli accessori.

Ma probabilmente qualcuno sarà più propenso a dipingere la camera da letto con tinte diverse, un metodo che restituisce effetti positivi dal punto di vista estetico e migliora anche la qualità del sonno, oltre a personalizzare e rendere unica la propria stanza.

La raccomandazione è quella di costruire comunque una buona armonia cromatica, magari scegliendo tonalità non troppo diverse fra loro. Oppure si può decidere di dipingere una parete con una nuance che si differenzia totalmente rispetto alle altre, che però richiami gli elementi di arredo.

In conclusione…

La cromoterapia ci aiuta veramente a creare una sintonia con l’ambiente per viverlo al meglio e costruire un rapporto sano ed equilibrato fra noi e ciò che ci circonda.

Quando si pensa al colore da inserire in una camera da letto, perciò, non bisogna limitarsi a riflettere sul colore delle pareti, piuttosto è bene tenere a mente la composizione d’insieme, dove le pareti, insieme ai pavimenti, agli arredi e ai soffitti concorrono a creare il risultato finale.

Senza dimenticare che il colore di ogni, seppur piccolo, dettaglio è davvero rilevante, perciò va scelto con cura e consapevolezza.

Vorresti osare di più con i colori in casa? Scoprilo con il nostro test!

    

@mipiacemolto.it

Notizie da Facebook